Cos’è il contratto di rendimento energetico?

Leider ist der Eintrag nur auf Italienisch verfügbar. Der Inhalt wird unten in einer verfügbaren Sprache angezeigt. Klicken Sie auf den Link, um die aktuelle Sprache zu ändern.

Definizione di EPC

energy-performance-contractingCon il contratto di rendimento energetico (Energy Performance Contract, o EPC) un soggetto “fornitore” (normalmente una Energy Saving Company o E.S.Co.) si obbliga con i propri mezzi finanziari ad effettuare un intervento di efficientamento energetico presso un impianto o edificio di proprietà di un soggetto “beneficiario”.

Quest’ultimo, per la durata del contratto, corrisponde una parte del risparmio energetico generato alla E.S.Co. permettendo a quest’ultima di recuperare l’investimento iniziale.

La definizione del contratto di rendimento energetico è presente ampiamente anche su Treccani, il quale precisa che la definizione di EPC è stata acquisita direttamente dalla Direttiva CE/32/2006, che ha trovato attuazione in Italia con il D.lgs. n. 115/2008.

Perché è conveniente?

Attraverso questa tipologia contrattuale il rischio tecnico e finanziario sono in capo alla E.S.Co., la quale può decidere di utilizzare capitali propri o di reperire i mezzi finanziari presso soggetti terzi (normalmente banche).

In ogni caso la E.S.Co. ha la responsabilità dell’obbligo di risultato (performance).

L’unico obbligo del cliente beneficiario consiste nel continuare a gestire/utilizzare il sistema come concordato in fase di stesura del contratto (es. facendo funzionare l’impianto un certo numero minimo di ore o non apportando modifiche al sistema senza la preventiva approvazione da parte della E.S.Co.).

Nelle mani di un esperto

Le E.S.Co., per definizione, devono infatti essere in grado di gestire e coordinare tutte le fasi che vanno dall’individuazione del problema alla progettazione e realizzazione di un intervento per risolverlo. Dal momento che la remunerazione della E.S.Co. è basata sui risultati ottenuti, in termini di efficienza del sistema energetico, essa risulta a maggior ragione motivata a realizzare la soluzione tecnicamente ed economicamente più conveniente.

L’EPC permette di fruire dell’esperienza e competenza specialistica che la E.S.Co. offre nel settore dell’efficienza energetica.

Tipologie di EPC

In base a come vengono ripartiti i rischi tra cliente e fornitore, a chi effettua l’investimento ed alle modalità di remunerazione della E.S.Co, esistono diverse tipologie di EPC, di seguito si riportano le più comuni:

FIRST OUT

  • Capitale: E.S.Co/ finanziatore terzo
  • Durata: 3-5 anni
  • Risparmio: il risparmio conseguito viene interamente utilizzato per ripagare il finanziamento e remunerare la E.Sco. Alla scadenza del contratto va interamente al cliente.
  • Proprietà: la ESCO mantiene la proprietà dell’impianto fino alla scadenza del contratto, successivamente alla quale lo stesso si trasferisce nella titolarità del cliente.

FIRST IN

  • Capitale: E.S.Co/ finanziatore terzo
  • Durata: 5-10 anni
  • Risparmio: il risparmio conseguito viene ripartito tra E.S.Co. e cliente.
  • Proprietà: la ESCO mantiene la proprietà dell’impianto fino alla scadenza del contratto, successivamente alla quale lo stesso si trasferisce nella titolarità del cliente.

SHARED SAVING

  • Capitale: E.S.Co/ finanziatore terzo
  • Durata: oltre 10 anni
  • Risparmio: Le parti si accordano sulla condivisione dei risparmi ottenuti: soltanto una quota, definita contrattualmente, contribuisce al recupero dell’investimento iniziale.
  • Proprietà: la ESCO mantiene la proprietà dell’impianto fino alla scadenza del contratto, successivamente alla quale lo stesso si trasferisce nella titolarità del cliente.

GUARANTEED SAVING

  • Capitale: Cliente/ finanziatore terzo
  • Durata: 4-8 anni
  • Risparmio: la ESCO si impegna a garantire che i risparmi non siano inferiori ad un minimo concordato e riceve un canone che remunera il servizio di gestione e manutenzione.
  • Proprietà: la proprietà è del cliente fin dall’inizio.

I vantaggi e le caratteristiche illustrate mettono in evidenza come il Contratto di Rendimento Energetico sia uno strumento particolarmente utile per quelle aziende o enti pubblici che abbiano la necessità di effettuare interventi di efficientamento di edifici o impianti, ma che siano sprovvisti di esperienza tecnica nel campo energetico e/o che non abbiano a propria disposizione sufficienti risorse finanziarie.

La valutazione del risparmio ottenibile riveste un ruolo centrale e deve essere quindi effettuata con attenzione. Per questo l’EPC è normalmente preceduto da una diagnosi energetica, che serve a determinare i centri di costo ed a individuare gli interventi di miglioramento necessari.

 

CHIEDI UNA CONSULENZA PERSONALIZZATA DEI TUOI IMPIANTI E INIZIA A RISPARMIARE!

 

Una Strategia Win Win

Una Strategia Win Win identifica quelle situazioni vincenti e ottimali per entrambe le parti.

Questo è ciò che avviene con i contratti EPC, un progetto di efficienza energetica CHIAVI IN MANO e PERSONALIZZATO, in cui il cliente dovrà soltanto raccogliere i benefici dati da risparmi diretti sulla bolletta, e dall’acquisizione e vendita di Certificati Bianchi.

D’altro canto la E.S.Co. verrà remunerata sulla base dei risultati effettivi che il cliente conseguirà attraverso l’implementazione e l’ammodernamento della tecnologia, degli impianti e delle strutture esistenti.

Energika in quanto ESCO accreditata già operante da quasi vent’anni sul panorama italiano è disponibile a valutare le singole proposte per agevolare la realizzazione di interventi di efficientamento presso i propri clienti.

WIN-WIN

 

>> VOGLIO UNA CONSULENZA PERSONALIZZATA! <<