SANZIONI PER LE AZIENDE CHE CONDIVIDONO UN UNICO POD

police-1463975_960_720

Disculpa, pero esta entrada está disponible sólo en Italiano y Inglés Estadounidense. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in this site default language. You may click one of the links to switch the site language to another available language.

Che cos’è il POD?

Il codice POD (Point of Delivery) è un codice alfanumerico che identifica univocamente il punto fisico in cui il Distributore consegna l’energia elettrica al cliente finale. Il codice POD è sempre riportato sulla bolletta o fattura, di seguito il suo significato:

Pod

Un POD può essere condiviso tra più clienti?

Un cliente finale è una persona fisica o giuridica che preleva l’energia elettrica, per il proprio uso finale, da una rete pubblica o privata. La delibera 276/2017/R/eel del 21 aprile 2017 ha definito un cliente finale nascosto un cliente finale che non risulta connesso alla rete pubblica, né appartiene a sistemi di distribuzione chiusi (SDC) o a sistemi semplici di produzione e consumo (SSPC).

Esempio: complesso industriale al cui interno è presente un’unità immobiliare affidata ad un soggetto terzo che utilizza l’energia prelevata dal titolare del sito!

Il soggetto che utilizza l’energia elettrica deve anche essere l’intestatario del POD!


I clienti finali nascosti non pagano correttamente i corrispettivi tariffari e le relative imposte, per questo motivo la delibera ha introdotto l’obbligo di autodichiarazione e un sistema di controlli e sanzioni.

Clienti non ancora autodichiarati o autodichiarati dopo il 28/02/2018

I clienti non ancora autodichiarati o autodichiarati dopo il 28/02/2018 sono tenuti a pagare un conguaglio calcolato come differenza, maggiorata del 30%, tra le componenti tariffarie a copertura degli oneri generali di sistema che avrebbero dovuto versare se fossero stati correttamente identificati come clienti della rete pubblica e le componenti tariffarie eventualmente versate per il periodo compreso tra il 01/01/14 (o la data della loro entrata in operatività se successiva) e la data della loro regolarizzazione.

Controlli

Al fine di evitare clienti nascosti, l’Autorità effettua controlli tramite il Gestore per i Servizi Energetici (GSE). Inoltre è previsto che i gestori di rete siano tenuti a comunicare alla CSEA presunti clienti finali nascosti. L’Autorità, se necessario, può aggiungere ulteriori sanzioni in aggiunta al già presente conguaglio maggiorato.

Conclusioni

Per i clienti finali nascosti è consigliato regolarizzarsi e autodichiararsi il prima possibile, per evitare ulteriori sanzioni! Energika è in grado di assisterti in tutti gli adempimenti per regolarizzare la tua posizione e nella valutazione della configurazione più conveniente.

 Chiedici aiuto per non incorrere in sanzioni!

¿ Tienes alguna pregunta ?

Consulta a uno de nuestros asesores

Iscriviti alla newsletter

Azienda (*)
La tua email