UNA NUOVA DIRETTIVA EUROPEA PER UN’EDILIZIA SEMPRE PIÙ GREEN (CON UN OCCHIO AL RISPARMIO ENERGETICO)

Gen 17, 2022

È stata presentata alla Commissione Europea la nuova direttiva sulle prestazioni energetiche degli edifici EPBD.

La revisione è di fatto la naturale conseguenza del  Green Deal europeo ed è la conseguente azione legislativa della strategia di “Renovation Wave”, proposta dalla Commissione. L’obiettivo della direttiva è chiaro: decarbonizzare il parco immobiliare dell’UE entro il 2050, intervenendo sulla ristrutturazione di edifici pubblici e privati per ridurre le emissioni di gas serra e le bollette energetiche. In sostanza la nuova direttiva sulle Prestazioni energetiche degli edifici fissa il 2030 quale data d’inizio a partire dalla quale tutti i nuovi edifici dovranno essere ad emissioni zero. Tempi che si riducono ulteriormente per le nuove costruzioni pubbliche, che dovranno eliminare le emissioni a partire dal 2027.

Un obiettivo certamente ambizioso che potrà essere raggiunto unicamente costruendo edifici che consumino poca energia (quindi anche dotati di sistemi di efficientamento), che siano alimentati da fonti rinnovabili, che non emettano carbonio da combustibili fossili.