Solare termodinamico a concentrazione

Giu 14, 2022

Attualmente quando si parla del potenziale energetico del sole si parla principalmente di fotovoltaico, tuttavia questa non è l’unica tecnologia della quale disponiamo (anche se certamente fino ad oggi si è dimostrata la più smart e sostenibile).

Esiste, infatti, anche il Solare termodinamico a concentrazione: una tecnologia sviluppata in Italia ispirata al principio degli specchi ustori di Archimede.

L’idea da cui prende le mosse è di per sé molto semplice: la luce del sole, concentrata per mezzo di grandi specchi, viene usata per produrre, in modo più o meno diretto, vapore a temperature molto elevate, dell’ordine delle centinaia di gradi, che viene utilizzato per un generatore elettrico.

La semplicità del fotovoltaico ha, di fatto, affossato il potenziale del solare termodinamico, almeno fino ad ora, perché oggi se ne torna a parlare, anche in un’ottica transizione energetica, dal momento che il solare termodinamico offre la possibilità di accumulare grandi quantità di energia in modo relativamente semplice, sotto forma di un serbatoio di fluido bollente.