SANZIONI PER LE AZIENDE CHE CONDIVIDONO UN UNICO POD

police-1463975_960_720

Leider ist der Eintrag nur auf Italienisch und Amerikanisches Englisch verfügbar. Der Inhalt wird in der Standard-Sprache dieser Website angezeigt. Sie können einen Link anklicken, um zu einer anderen verfügbaren Sprache zu wechseln.

Che cos’è il POD?

Il codice POD (Point of Delivery) è un codice alfanumerico che identifica univocamente il punto fisico in cui il Distributore consegna l’energia elettrica al cliente finale. Il codice POD è sempre riportato sulla bolletta o fattura, di seguito il suo significato:

Pod

Un POD può essere condiviso tra più clienti?

Un cliente finale è una persona fisica o giuridica che preleva l’energia elettrica, per il proprio uso finale, da una rete pubblica o privata. La delibera 276/2017/R/eel del 21 aprile 2017 ha definito un cliente finale nascosto un cliente finale che non risulta connesso alla rete pubblica, né appartiene a sistemi di distribuzione chiusi (SDC) o a sistemi semplici di produzione e consumo (SSPC).

Esempio: complesso industriale al cui interno è presente un’unità immobiliare affidata ad un soggetto terzo che utilizza l’energia prelevata dal titolare del sito!

Il soggetto che utilizza l’energia elettrica deve anche essere l’intestatario del POD!


I clienti finali nascosti non pagano correttamente i corrispettivi tariffari e le relative imposte, per questo motivo la delibera ha introdotto l’obbligo di autodichiarazione e un sistema di controlli e sanzioni.

Clienti non ancora autodichiarati o autodichiarati dopo il 28/02/2018

I clienti non ancora autodichiarati o autodichiarati dopo il 28/02/2018 sono tenuti a pagare un conguaglio calcolato come differenza, maggiorata del 30%, tra le componenti tariffarie a copertura degli oneri generali di sistema che avrebbero dovuto versare se fossero stati correttamente identificati come clienti della rete pubblica e le componenti tariffarie eventualmente versate per il periodo compreso tra il 01/01/14 (o la data della loro entrata in operatività se successiva) e la data della loro regolarizzazione.

Controlli

Al fine di evitare clienti nascosti, l’Autorità effettua controlli tramite il Gestore per i Servizi Energetici (GSE). Inoltre è previsto che i gestori di rete siano tenuti a comunicare alla CSEA presunti clienti finali nascosti. L’Autorità, se necessario, può aggiungere ulteriori sanzioni in aggiunta al già presente conguaglio maggiorato.

Conclusioni

Per i clienti finali nascosti è consigliato regolarizzarsi e autodichiararsi il prima possibile, per evitare ulteriori sanzioni! Energika è in grado di assisterti in tutti gli adempimenti per regolarizzare la tua posizione e nella valutazione della configurazione più conveniente.

 Chiedici aiuto per non incorrere in sanzioni!

Got some questions?

Beratung anfordern

 Zustimmung zum Datenschutz(*)
captcha

Iscriviti alla newsletter

Azienda (*)
La tua email